LA FONDAZIONE CRT

La Fondazione CRT – Cassa di Risparmio di Torino. ente privato non profit nato nel 1991, è uno dei “motori” dello sviluppo e della crescita del Piemonte e della Valle d’Aosta in tre macro-aree: Arte e Cultura, Ricerca e Istruzione, Welfare e Territorio. Interviene con progetti e risorse proprie per la valorizzazione dei beni artistici e delle attività culturali, la promozione della ricerca scientifica e della formazione dei giovani, il sostegno all’innovazione e all’imprenditoria sociale, l’assistenza alle persone in difficoltà, la salvaguardia dell’ambiente, il sistema di protezione civile e di primo intervento. In oltre 25 anni di attività, la Fondazione CRT ha distribuito risorse per circa 1 miliardo e 500 milioni di euro e consentito la realizzazione di più di 37.000 interventi per il territorio, sostenendoli non solo dal punto di vista delle erogazioni, ma anche delle progettualità.

IL PROGETTO DIDEROT DELLA FONDAZIONE CRT

La Fondazione CRT realizza il Progetto Diderot per offrire agli studenti di tutti gli Istituti di istruzione primaria e secondaria di I e II grado del Piemonte e della Valle d’Aosta una duplice opportunità: avvicinarsi in modo creativo e stimolante a discipline non sempre inserite nei programmi curricolari e, nello stesso tempo, approfondire le materie tradizionali con metodologie innovative. Si articola in workshop, laboratori, video-lezioni, visite, seminari, incontri-dibattiti con esperti e testimonial, concerti e rappresentazioni teatrali, in ambiti quali l’arte e la matematica, l’economia e il computing, la tutela della salute e dell’ambiente, la filosofia. La partecipazione è gratuita per tutte le scuole (escluso il costo di eventuali trasporti). Il Progetto Diderot della Fondazione CRT ha coinvolto finora circa 770.000 studenti tra i 6 e i 20 anni.

LUCE, ACQUA, VITA: ALLA SCOPERTA DI NUOVI MONDI NELLA GALASSIA

La partecipazione dell’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta, dall’anno scolastico 2017-2018, al Progetto Diderot della Fondazione CRT, una delle più prestigiose iniziative di didattica di alto livello in Italia, conferma il valore del lavoro con scuole e pubblico dei ricercatori attivi a Saint-Barthélemy.
La linea progettuale riguarda una dei campi più avvincenti dell’astronomia contemporanea: la ricerca di mondi alieni. Le sonde automatiche ci regalano immagini spettacolari di pianeti e satelliti del nostro Sistema Solare, mentre telescopi e strumenti sempre più avanzati ci permettono di individuare e studiare gli esopianeti, cioè i pianeti che orbitano attorno alle altre stelle. Grazie a questi indagini, la scienza sta cercando di rispondere a un’antica domanda: siamo soli nell’universo?
La linea progettuale propone esperienze didattiche multidisciplinari che adoperano il fascino dell’esplorazione dell’universo per spaziare dalla matematica alla fisica, dalla chimica alle scienze ambientali, dalle scienze della Terra alla biologia, senza trascurare le connessioni con storia, filosofia, letteratura e arte.

Il percorso, avviato nel mese di ottobre 2017, coinvolge oltre 6.000 studenti delle scuole di Piemonte e Valle d’Aosta fino al mese di aprile 2018, con le seguenti attività:

● Unità didattica 1: “Coloriamo i pianeti”, per la scuola primaria

● Unità didattica 2: “Prepariamo la valigia per lo spazio”, per la scuola secondaria di primo grado

● Unità didattica 3: “Mille miliardi di pianeti”, per la scuola secondaria di secondo grado

Per la scuola secondaria sono possibili attività facoltative, che richiedono la realizzazione di una relazione scientifica.

Grazie alla certificazione linguistica dell’esperto, le unità didattiche e le attività facoltative possono essere tenute in inglese, in parte o integralmente, per permettere di associare l’esperienza a momenti di insegnamento di discipline non linguistiche in lingua straniera.